Dieta Vegetariana per i runner

Dieta vegetariana e running sono compatibili?

Alimentazione
Condividi l'articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Negli ultimi anni è cresciuto il movimento di coloro che rifiutano di consumare carne, per ragioni etiche e di sostenibilità ambientale. Ma è possibile fare sport seguendo una dieta vegetariana?

Secondo i dati pubblicati da diverse organizzazioni internazionali, il consumo di carne nel mondo è ormai arrivato a livelli difficilmente sostenibili: di questo passo nel giro di pochi anni la produzione mondiale di carne arriverà a superare i 400 milioni di tonnellate l’anno, per un consumo pro capite annuo che in alcuni paesi (come ad esempio gli Stati Uniti) ha già superato i 150 Kg. E’ noto che gli allevamenti intensivi, oltre ad essere dei veri e propri lager in cui gli animali vengono trattati in modo disumano, rappresentano anche una grave minaccia per l’ambiente, dal momento che la crescita della produzione di carne è la maggiore responsabile della deforestazione in molti paesi.
A tutto questo si aggiunge la notizia di qualche settimana fa: l’Oms ha pubblicato alcuni studi secondo cui la carne, e in particolare la carne rossa sarebbe una delle cause della diffusione dei tumori. Alcuni considerano queste affermazioni infondate, e sostanzialmente le giudicano un’esagerazione. In ogni caso tutte queste indicazioni non possono essere semplicemente ignorate, ma devono diventare un utile stimolo di riflessione.
C’è chi sta cominciando a suggerire che la soluzione al problema della produzione alimentare per il futuro sia il consumo di insetti. Onestamente preferiamo pensare a una soluzione meno drastica, e soprattutto meno disgustosa.
Di certo ridurre il consumo di proteine animali è possibile, anche con sacrifici limitati. Ma cresce sempre più il numero dei vegetariani, ovvero coloro che preferiscono abbandonare del tutto la carne, e addirittura dei vegani, che invece rifiutano il consumo di qualunque prodotto di origine animale, compreso il latte (e quindi i formaggi) le uova, il miele e così via.
Dal momento che qui parliamo di sport, e in particolare di corsa, la domanda che ci poniamo è se questo regime alimentare possa essere compatibile con un’attività intensa per l’organismo. C’è chi sostiene che l’uomo sia un animale onnivoro, e che la nostra struttura biologica richieda l’introduzione di alimenti vari, comprese le proteine animali, soprattutto se l’organismo deve essere sottoposto a sforzi importanti e continuati: una dieta vegetariana o addirittura una dieta vegana, apportano sufficienti nutrienti per permettere al nostro corpo di affrontare in modo sano lo sport?
In realtà per molti nutrizionisti è assolutamente possibile nutrirsi in modo sufficientemente variato e completo anche solo con una dieta interamente vegetale. Gli amminoacidi e le proteine di base sono contenuti anche in numerosissimi vegetali (anche se in quantità minore che nella carne e nei derivati animali).
Noi ci asteniamo dal prendere posizioni nette su un argomento così delicato ma, come sempre, suggeriamo il buon senso come regola base. Gli eccessi sono sempre dannosi. Qualunque strada alimentare si decida di intraprendere (sia che lo si faccia per ragioni etiche, sia per la propria salute e benessere) lo si deve fare con equilibrio, facendo attenzione a non fare cambiamenti drastici, ma adattando il proprio organismo con gradualità a nuove abitudini. Inoltre chi corre sa bene che il proprio corpo va ascoltato: non trascurate i segnali di disagio, anche minimi, che il vostro organismo vi manda, e cercate di adeguare il vostro regime alimentare con cura. Alla fine l’unica regola che conta è il benessere: se vi sentite bene, pieni di energia e di forza, vuol dire che tutto va bene. Ma siccome sappiamo che anche voi siete tutti persone con la testa sulle spalle (lo diamo per scontato: siete runner) ricordatevi che farsi seguire regolarmente da un medico, e possibilmente da un dietologo, è sempre la scelta migliore.

Condividi l'articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0